ARS CREAZIONE E SPETTACOLO

STM - Scuola Teatro Mantova

Inferno

widget_inferno

  • Attività: Spettacolo

“INFERNO o l’umana tragedia”

Scritto da Luigi Di Raimo, tratto dalla “Divina Commedia” di Dante Alighieri.

REGIA
Federica Restani e Fabio Zulli

AIUTO ALLA REGIA
Irene Gandolfi

INTERPRETI
Anthea Boiani, Fabio Carletti, Giordano Ermondi, Laura Galassi, Giulia Grandi, Nazarena Grandi, Denise Guerresi, Michele Maddalena, Lucrezia Mazzoli, Aleksandra Melli, Elena Migliari, Denise Mirandola, Nicoletta Novaro, Nataly Pokudina, Clata Tinazzo, Atina Zarkua

 

Cosa incontra l’uomo quando guarda al di là di se stesso.

Dio, il nulla, un altro se stesso che non è altro che il suo doppio oscuro, l’inversione di sé?

L’inferno può essere ció che incontriamo quando decidiamo di andare oltre. Di varcare quella linea sottile che traccia il “mezzo del cammin di nostra vita”, lo spartiacque tra il prima e il dopo.

Per ritrovarci all’interno del nostro inconscio dobbiamo andare oltre. E’ inevitabile.

Con questo Inferno sulla via tracciata da Dante ci aggireremo nei meandri di un sè che porta tracce di ognuno di noi. Questo luogo é un frattale infinito dove il modulo base è l’uomo e dove il paesaggio cambia a seconda delle paure che ci possiedono, delle colpe che ci turbano, dei vizi di cui non riusciamo a spogliarci. Varcare la soglia non significa altro che affacciarsi sull’umana tragedia, aggredire il baratro con il desiderio di scoprire chi siamo veramente.

E se ogni inferno in fondo è personale ecco un alternarsi di soggettive che sembrano unire chi guarda e chi rappresenta in un destino comune mentre ció che di profila all’orizzonte non è che una carrellata di destini possibili in base alla scelta compiuta. Plastiche alla Rodin, solchi alla Klinger esasperazioni alla Bosh vorrebbero essere i nostri quadri.